Rivista Franchising

fontForse stai rifacendo il sito web della tua attività. O forse devi stampare un nuovo catalogo, o un nuovo menu. O magari delle brochure. Insomma, devi trovare dei contenuti e uno stile capaci di attirare l’attenzione del tuo pubblico e target e di convogliarla nella direzione giusta. I fattori da tenere in considerazione sono davvero tantissimi: cosa dire? Quali parole usare? Quali immagini affiancare ai testi? Ma soprattutto: quale font utilizzare? Chi si occupa della parte creativa del marketing sa infatti benissimo che la scelta del font è cruciale, e può persino determinare il successo o l’insuccesso di un progetto.

Come scegliere il font giusto?

Per decidere quale font utilizzare devi capire quale impressione vuoi dare. Quale reazione vuoi suscitare con il tuo font? Lo stile grafico dei tuoi caratteri, infatti, definisce a una prima occhiata il tono del tuo brand. Pensi che sia la stessa cosa presentare un sito web scritto da cima a fondo in Times New Roman e un altro, con i medesimi contenuti, scritto con font Arial? Ti assicuro che non è così: un font può esprimere leggerezza, serenità e tranquillità, mentre un altro può essere persino aggressivo, e un altro ancora eccentrico. Come vuoi che appaia il tuo brand?

Leggibilità

A prescindere da ogni aspetto di ordine meramente estetico, il font che sceglierai deve avere un alto grado di leggibilità. Ti dirò di più: il livello di leggibilità deve essere tanto più alto quanto più lunghi e impegnativi saranno i testi che proporrai al pubblico. Non è un caso se font calligrafici ed elaborati sono utilizzati solamente per testi brevi, come gli inviti, laddove nei libri e sui quotidiani vengono utilizzati dei font estremamente semplici e leggibili.

E se tu avessi già trovati il font che fa per te?

Molto spesso, quando si è alla ricerca del font perfetto, è preferibile lasciarsi ispirare dai font usati dagli altri siti web. Ma come puoi fare, una volta individuato il carattere perfetto per il tuo messaggio, a capire di quale font effettivo si tratta? Nemmeno il tipografo più esperto, infatti, conosce a vista d’occhio tutti i tipi di font utilizzati nel mondo attuale. In nostro aiuto, però, c’è uno speciale tool capace di capire immediatamente – con un solo click del mouse – quale font stiamo guardando. Parlo di WhatFont, ovvero di un’estensione di Google Chrome gratuita che offre l’opportunità di individuare non solo il nome del font selezionato su una qualsiasi pagina web, ma  anche la famiglia tipografica, la dimensione, l’interlinea e il colore.

Rivista Franchising