Rivista Franchising

Li puoi amare, li puoi odiare, ma non c’è niente da fare: se vuoi vendere, li devi usare. Parlo ovviamente dei funnel, e di tutte quelle persone che, pur odiandoli, devono comunque scendere a patti con loro. Ma perché ci sono così tante persone che odiano i funnel? Perché persino l’istrionico Digital Marketing Evangelist di Google Avinash Kaushik ha dichiarato a più riprese “I hate funnel”? Beh, molto probabilmente perché chi è nell’ambiente del marketing ne ha piene le scatole di sentir parlare di funnel ad ogni piè spinto, più che altro perché, a questo riguardo, non si fa spesso che ripetere il già detto, semplificando al massimo i dettagli.

E sì, così si finisce per odiare i funnel, perché tutti ne parlano, tutti vogliono dire la propria, senza però mai, nella maggior parte dei casi, dire niente di davvero utile. Per questo motivo, oggi, voglio proporre un libro che mi è piaciuto davvero molto, e lo voglio consigliare sia a quelli che, entrati in punta di piedi nel mondo del marketing, ancora non sanno cosa sono i funnel, sia a quelli che invece, dopo anni di abusi, odiano questo termine e tutti quelli che lo usano troppo liberamente.

Un libro sui funnel

Il libro in questione è ‘Funnel marketing formula – Progetta e sviluppa sistemi di vendita efficaci online‘, scritto da Michele Tampieri ed edito da Dario Flaccovio. Qui non si spiegano i ‘funnel di marketing’ così, in modo distratto. No, questo è un manuale vero e proprio, che spiega per filo e per segno come fare marketing in rete con successo, facendo capire agli utenti e potenziali clienti qual è il valore del proprio brand, e quindi dei propri prodotto e servizi.

Come un manuale che si rispetti, anche quello di Tampieri parte dal basso: prima di arrivare ai funnel di marketing si passa infatti per concetti più basilari, come la presenza online e sì, la strategia, concetto che ritorna continuamente in questo libro. Perché, di fatto, il funnel non è un imbuto da riempire, o almeno, così non è quello presentato da Tampieri. No, in questo caso il funnel si erge a strategia, dove ogni azione rivolta al potenziale cliente è pianificata nel dettaglio, e senza guardare sempre e costantemente alla vendita. Anzi: il concetto che conduce un business al profitto è costituito solo per un quarto dalla vendita: tutto il resto, infatti, è marketing.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Consulente di web marketing, formatore e autore. Nel tempo libero? "Mangio pizza e sushi (a volte insieme!), scatto foto con il mio iPhone e mi pettino. La barba!"