Rivista Franchising

imprenditori_olandesiDue ettari di terreno, 350mila tulipani di 312 varietà, una community social di 40mila follower. È da questi numeri che parte la seconda edizione di Tulipani Italiani, l’iniziativa lanciata lo scorso anno da una coppia di giovani imprenditori olandesi, da quest’anno italiani di adozione: Edwin Koeman e Nitsuhe Wolanios, rispettivamente 41 e 33 anni.

Imprenditori olandesi e l’idea dei tulipani

L’idea di impresa è quella del u-pick garden, il primo dedicato ai tulipani nel nostro Paese, aperto solo durante il periodo della fioritura: in pratica sono i visitatori a raccogliere direttamente nel campo i tulipani, che vengono poi avvolti in carta di giornale, pronti per essere portati a casa dopo qualche ora passata a contatto diretto con la natura. tulipaniL’ingresso non prevede l’acquisto di un biglietto ma quello di un bonus che consente di raccogliere già in partenza due fiori, poi i visitatori sono liberi di raccogliere quanti tulipani aggiuntivi desiderano, al costo di 1,50 euro l’uno.

Fin qui il business, un modello, quello del u-pick (sei tu a raccogliere), diffuso soprattutto tra gli agricoltori degli Stati Uniti. Ma perché proprio in Italia, e perché proprio a sud di Milano?Lavoro da sempre nella produzione e commercializzazione di bulbi – racconta Edwin – mi sono fatto le ossa nell’azienda di famiglia in Olanda, poi in un’altra impresa di import-export che esportava fiori in tutto il mondo. L’Italia è sempre stato un mercato importante e così ho imparato un poco la lingua italiana. Le vendite maggiori erano al sud, in Sicilia, Puglia, Calabria, Roma, Napoli e anche in Toscana. Ho osservato e sperimentato il modello u-pick nei campi di tulipani di mio fratello, in America, e ne sono rimasto affascinato per il contatto diretto con le persone e per il rispetto dei ritmi della natura”.

garden

Edwin e Nitsuhe si sono conosciuti in Etiopia, paese di origine della ora fidanzata e co-fondatrice di Tulipani Italiani. Nitsuhe, dopo gli studi in Economia,  sette anni fa si è trasferita in Olanda, dove si è specializzata in Risorse Ambientali e Gestione dell’ambiente. “Oggi sono orgogliosa di essere una imprenditrice green”, afferma. “L’Italia, e questa zona in particolare,  è stata una scelta naturale”, spiegano. “Per le caratteristiche del terreno ma anche per l’amore che gli Italiani hanno per il bello. E noi volevamo creare qualcosa di speciale ed emozionante in un luogo dove non ci sono particolari attrazioni turistiche”. L’impresa è partita con un autofinanziamento, che è servito tra l’altro all’affitto del terreno e all’acquisto di un macchinario per la piantumazione.

fiori

Dopo il successo della prima apertura, i due imprenditori sono rientrati dell’investimento. “Siamo riusciti a realizzare la nostra idea anche per il supporto di Coldiretti Milano Lodi Monza Brianza, del Parco Agricolo Sud Milano e del Comune di Cornaredo. Ma soprattutto grazie all’entusiasmo e all’aiuto degli agricoltori locali“, concludono. La prossima apertura del garden è prevista verso la metà di marzo, sarà la natura a dare il via!

Per info: www.tulipani-italiani.it.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Sono tra le giornaliste più longeve in Italia nel settore franchising e sono co-founder di Start Franchising. Scrivo di imprenditoria e startup per testate di settore, per Il Sole 24 Ore e per il blog Alley Oop - Il Sole 24 Ore. Seguo le aziende nei loro progetti di comunicazione del brand e delle loro storie, uniche e irripetibili.