Rivista Franchising

La provincia italiana riesce a regalare sempre grandi emozioni quando si tratta di buon cibo, di legame con il territorio e di storie di rinascita. Per questo è importante raccontare le storie di giovani imprenditori, soprattutto in territori difficili o colpiti da gravi disgrazie, è il caso di una coppia di giovani intraprendenti che hanno capito come gestire una macelleria di successo facendo dei tipici sapori sanniti prodotti da esportare in Italia e all’estero.

Macelleria Scaramuzzo
Marco Scaramuzzo, 29 anni, beneventano, titolare della Macelleria Scaramuzzo

Marco Scaramuzzo, 29 anni, e Valentina Carpinelli, 30 anni, entrambi beneventani e appassionati da sempre della vita e del buon cibo, sono riusciti a mettere in piedi una piccola oasi di prodotti tipicamente sanniti e di carne biologica di alta qualità con la loro Macelleria Scaramuzzo, che sta riscuotendo un discreto successo grazie all’esportazione dei prodotti campani in tutto il mondo, puntando sul lavoro serio e costante, oltre che sulla qualità che contraddistingue la regione.

 

Marco quando avete deciso di mettervi in gioco con un’attività tutta vostra?

Abbiamo sempre avuto la passione per la vita e per il cibo, a novembre del 2009 abbiamo avuto l’opportunità di rilevare una macelleria storica di Reino (Benevento), così da poter dar vita al nostro sogno di macelleria gourmet.

Quanto è importante il rapporto con il territorio per la vostra produzione?

Come gestire una macelleria di successo

Siamo cresciuti sulle colline del Fortore, nel Sannio,  tra persone solari che ci hanno insegnato a rispettare la natura e a saperne aspettare e rispettare i tempi, così da poter godere a pieno dei giusti frutti. Amiamo i sapori semplici e autentici che fanno parte della nostra tradizione, così come insegnatoci dai nostri nonni. Il nostro punto di forza è di coniugare la tradizione all’innovazione, aggiungendo un pizzico di creatività che riesce a soddisfare ogni cliente.

Quali sono i vostri prodotti di punta?

Oltre alla carne proveniente da allevamenti sanniti, abbiamo aperto a prodotti “pronto cuoci” che si possono preparare velocemente, cosicché i nostri clienti si ritrovino sempre con tante ottime pietanze fra cui scegliere e che si cucinano in pochi minuti, regalando loro maggior tempo da dedicare alla famiglia o al relax. Inoltre, da qualche anno abbiamo puntato tanto anche sui prodotti tipici locali che portano il marchio Scaramuzzo per promuovere i salumi di nostra produzione affiancati da altri prodotti scelti da noi, sempre tipicamente sanniti, come olio, miele e vino. Tutti prodotti artigianali e legati al nostro territorio che è possibile ordinare da ogni parte del mondo attraverso il nostro sito internet.

Ci incontriamo in un periodo importante, a due anni da un’alluvione che ha messo in ginocchio la provincia beneventana, la vostra azienda ha subito danni?

Fortunatamente non abbiamo subito danni, ma non è sicuramente un bel ricordo, ciò che conta è portare avanti la propria azienda con costanza e tenacia, una caratteristica veramente molto importante per noi.

Marco quale consiglio ti sentiresti di dare a chi, magari eventuali coetanei, volesse intraprendere la tua stessa attività?

L’amore e la passione sono fondamentali. Amare il proprio lavoro e impegnarsi costantemente sono concetti fondamentali per riuscire non solo a stupire il palato del cliente, ma anche per fidelizzarlo. Siamo andati oltre la vendita della buona carne paesana, fiore all’occhiello del nostro territorio, e questo è stato possibile soltanto attraverso la ricerca e l’inventiva.

Rivista Franchising