Rivista Franchising

Come affrontare al meglio un colloquio di lavoro?

La strada da intraprendere non è poi così difficile come si potrebbe pensare, basterà seguire sei semplici step.

Colloquio di lavoro: cosa fare
Colloquio di lavoro: cosa fare

La prima impressione gioca un ruolo fondamentale in un rapporto interpersonale, per questo bisogna prepararsi in modo ottimale per apparire al meglio sin dai primi istanti di un colloquio. Per questo Brain at Work, portale specializzato sul mondo del lavoro qualificato e piattaforma di dialogo tra il mondo accademico e quello lavorativo, in collaborazione con Start Franchising, ha pensato di fornirti 6 consigli chiave per portare a termine con successo il tuo colloquio:

  • Informati sempre sull’azienda: studia la storia e i valori aziendali, preparati a rispondere alla classica domanda: “Perche vorresti lavorare con noi?”;
  • Sii te stesso: metti in luce le tue vere capacità, i tuoi punti di forza e le tue competenze;
  • Rispondi chiaramente: cerca di essere il più preciso ed esaustivo possibile ad ogni domanda;
  • Scegli con cura le parole da utilizzare nel tuo discorso;
  • Preparati a raccontare le tue precedenti esperienze di studio e lavoro;
  • Mostrati interessato e curioso: cerca di fare domande intelligenti relativamente all’azienda e ai possibili percorsi di carriera.
colloqui
Ad un colloquio di lavoro è importante la prima impressione

Inoltre, nel corso di un colloquio di lavoro sono molti gli aspetti che il candidato deve curare con attenzione, a partire dal proprio abbigliamento: gli abiti indossati non devono mai risultare troppo vistosi, ma piuttosto devono avere toni tenui, l’outfit deve essere curato e i capelli in ordine.

Allo stesso tempo è fondamentale avere il controllo del proprio linguaggio corporeo: sostenere sempre lo sguardo dell’interlocutore con naturalezza è sinonimo di sicurezza, come lo è avere un tono di voce misurato e presentarsi con una stretta di mano decisa. Superate le presentazioni è opportuno rilassarsi e sorridere, assumere una posizione naturale e composta senza eccedere.

Il nervosismo e lo stress del momento possono portare i candidati ad alcuni errori frequenti: un’eccessiva gesticolazione, le braccia incrociate, il picchiettare dei piedi, sono tutti segnali che potrebbero distrarre l’interlocutore.

Quindi, è consigliabile comportarsi sempre con cortesia ed educazione, controllando il proprio stato d’animo, senza eccedere alla pressione della situazione. Essere sé stessi durante un colloquio di lavoro è sempre la scelta migliore e vincente.

Fabio Reali – Brain at Work

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Social Media Manager e Content Editor @ Brain at Work, laureato in Comunicazione e specializzato in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato del mondo della tecnologia, della grafica e dell’advertising.