Perché affiliarsi è la chiave del successo

La scelta di Francesco Romano, neo imprenditore che ha aperto un locale del brand Tiramisù a Roma

Franchising Food Tiramisù
L’idea del dessert monoporzione personalizzato a seconda dei gusti e della fantasia del cliente, a partire da uno dei punti cardine della pasticceria italiana: il tiramisù. Questa la vision del brand Tiramisù, 3 punti vendita già avviati e 2 in apertura. Uno degli affiliati più recenti del marchio è Francesco Romano, 48 anni, napoletano di nascita e manager presso una multinazionale oltre che imprenditore, entrato a far parte della famiglia Tiramisù nello scorso mese di giugno, aprendo un punto vendita nel cuore di Roma, quartiere Trieste-Salario, nei pressi di Piazza Istria.

 
Come ha conosciuto il brand Tiramisù?
Mi sono rivolto a una società di consulenza per lo sviluppo del franchising, perché avevo un’attività che non funzionava e volevo cambiare. Quindi, in riferimento al target di clientela a cui mi rivolgevo, soprattutto giovani, e anche in base alle mie esigenze, mi è stato proposto il brand Tiramisù”.

Quanto tempo è trascorso dal primo contatto con il franchisor all’apertura effettiva del punto vendita?
L’arco temporale è stato piuttosto breve. Nel giro di ventiquattrore ho avuto il primo contatto telefonico, in meno di una settimana ho ricevuto tutte le informazioni utili alla prima analisi del marchio e poi sono trascorse poco meno di tre settimane per l’apertura del punto vendita”.

Quanto ha investito per avviare l’attività?
Circa 35mila euro, di cui una quota destinata al franchisor e la restante parte in attrezzature e opere di riallestimento del locale che era già in mio possesso”.

Perché ha scelto di aprire un’attività come affiliato e non da indipendente?
Ho effettuato questa scelta perché avere alle spalle un’idea, un brand già avviato che ti sostiene, ti consiglia, ti indirizza e che si occupa anche di organizzare e rendere più visibile l’attività, è a mio avviso il punto di partenza per il successo”.

Qual è stata la difficoltà più importante che ha incontrato e come l’ha superata?
Sicuramente reperire il capitale iniziale che non avevo a disposizione, a causa di un precedente investimento. Grazie a un fido bancario sono comunque riuscito a superare facilmente l’ostacolo”.

E la soddisfazione più grande?
L’interesse che sta suscitando questa nuova idea di dessert Tiramisù. La clientela è rapita dal prodotto, che è fresco e originale ma con un tocco di modernità, dalla realizzazione del dessert in tempo reale grazie al bancone di vetro e dall’ambiente che rispecchia perfettamente il tema del brand”.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista dal 2011. Nel corso degli anni ha collaborato con numerose testate giornalistiche nazionali, regionali ed on-line, ricoprendo le molteplici figure professionali, anche come freelance. Ha accumulato svariate esperienze televisive e competenze di ufficio stampa.