Sicilia: il Franchising valorizza l’economia regionale

In Sicilia il Franchising valorizza l’economia regionale
In Sicilia il Franchising valorizza l’economia regionale

CATANIA – In un momento storico in cui la crisi regna quasi indisturbata, la Sicilia è considerata un punto di riferimento importante nel Mezzogiorno, avendo i requisiti per supportare l’Italia in ambito economico. Il Franchising siciliano si pone al terzo posto per numeri  di vendita attivi  e nono per numero di reti, secondo il Rapporto Assofranchising 2016.

Secondo quanto rilevato, infatti,  molteplici sono i settori a generare maggior profitto: dal GDO food e gli alimentari, con una rendita di  7.702 mln, alla ristorazione con un guadagno di 1.791 mln. Il Franchising, dunque, valorizza gli ambiti in cui la tradizione regionale è favorevole, attraverso contratti, anche di medio termine, in grado di elevare il proprio brand sul territorio e consentendo al franchisor ed al franchisee di recuperare gli investimenti in tempi brevi.

Sicilia: i dati in positivo secondo Assofranchising

In Sicilia sono presenti quasi 4.400 punti vendita, dato superato solo da Lazio (5.889) e Lombardia (8.237), a cui fanno coda anche il Piemonte (4.349), la Puglia (3.532) e il Veneto (3.468).

Mentre al Nord il Franchising è una prerogativa, per il Sud ed in particolare per la Sicilia, rappresenta una speranza per risollevare l’economia regionale e creare nuovi sbocchi occupazionali per i locali,  in un momento in cui la crisi è ormai normale amministrazione. Un altro elemento di fondamentale importanza è rappresentato dalla fascia di età del franchisee, che può contribuire in modo significativo alla crescita dei profitti e dell’attività stessa e che svolge una funzione di stimolo per l’internazionalizzazione d’impresa, per la capacità competitiva e per lo sviluppo di competenze manageriali di elevato profilo.

Dal Rapporto Assofranchising infatti,  si evince che il 63,8 per cento dei franchisee (affiliati) italiani ha un’età compresa tra i 36 ai 45 anni, mentre quasi il 26 per cento ha un’età compresa tra i 25 e i 35 anni; inoltre quasi il 40 per cento degli affiliati è donna mentre la restante percentuale è rappresentata da uomini. In questo contesto la Sicilia si colloca con dati che sono giudicati in positivo, mostrando tutti i requisiti affinché il franchising diventi il supporto per l’economia regionale.

 

CONDIVIDI
Linquista e scrittrice. Ha conseguito esperienze in campo nazionale ed internazionale, ricoprendo il ruolo di mediatrice per la difesa dei diritti umani e la risoluzione di conflitti globali. Adesso è impegnata ad acquisire tutte le competenze per poter fare del giornalismo la propria professione.