Rivista Franchising

ROMA – Robot che consegnano pacchi a domicilio rappresentano in questo momento storico il futuro del retail e dell’e-commerce. Vedersi recapitati i propri pacchi da robot fattorini, sarà possibile da settembre grazie a E-novia, società nata da un progetto del Politecnico di Milano nel 2012. Il team di ingegneri della società, ha messo a punto Yape, Your Autonomous Pony Express, un ecosistema nel quale è stato realizzato il primo veicolo autonomo. “L’ecosistema Yape offre elevata scalabilità, qualità nella consegna e garanzia di integrità e tracciabilità del contenuto che gli operatori di e-commerce e l’evoluzione dei modelli di consegna rapida oggi richiedono – spiega Simone Fiorenti, project manager di Yape –  Il modello che stiamo costruendo sarà inizialmente orientato al mercato business-to-business, con la possibilità di spedire sia cibo che oggetti grazie a scomparti modulari e personalizzabili, che possono essere riscaldati o raffreddati in base alla tipologia di prodotto da consegnare”.

Robot veloci, intelligenti, e non inquinanti, faranno le consegne, velocizzando i tempi e abbattendo i costi. A proposito di ciò, Vincenzo Russi, il CEO di E-novia spiega: “Le abilità

Vincenzo Russi
Vincenzo Russi, Ceo E-novia

di self driving di Yape consentono al veicolo elevata mobilità negli attuali contesti urbani dove sono necessarie capacità di adattamento alle mutevoli condizioni di traffico e flussi cittadini. Yape utilizza una rappresentazione digitale aumentata della città alla quale contribuisce l’incessante concorso dei dati e delle informazioni elaborate dagli algoritmi di intelligenza artificiale. Yape, elemento chiave della strategia di e-Novia nell’area della ‘Mobility as a Service’ è in grado di offrire un servizio di delivery adeguato ai contesti urbani moderni e alle richieste e ai bisogni di un’utenza sempre più esigente”. Il progetto YAPE, sperimentato in partnership con un’azienda di e-commerce, sarà testato a settembre 2017 e sarà posto in essere a partire da dicembre.

Robot che fanno consegne a domicilio: come funzionano

I robot funzioneranno come dei veri e propri fattorini. L’utente che si iscriverà alla piattaforma di gestione, avrà la possibilità di chiamare il robot e di affidare il pacco che sarà inserito nel portapacchi della macchina con capienza di 70 chili. Una volta scritto l’indirizzo del destinatario o geolocalizzatolo tramite app, l’ordine sarà consegnato solo ed esclusivamente al destinatario reale poiché il vano porta pacchi del robot si aprirà al riconoscimento face che questi farà all’utente finale.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Social Media Manager, Web Content Editor, ex Speaker Radiofonica, laureata in Sociologia e specializzata in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa. Interessata ai Fatti Sociali e ai rapporti di Potere.