Con Mokase lo smartphone fa anche il caffè

Rivista Franchising
mokase; caffè; cover; kirkstarter
Mokase, la cover con cui adesso lo smartphone fa anche il caffè.

NAPOLI – Mokase rivoluziona l’idea del caffè. Per molti il caffè è un rito sacro, la prima bevanda che ci accompagna da inizio giornata, ma oggi, con i ritmi sempre più frenetici, al caffè ci pensa lo smartphone, anzi la cover-coffee.

Un nuovo prodotto appena lanciato sul mercato è Mokase, ideato da Clemente Biondo, giovane inventore di Santa Maria a Vico in collaborazione con Mokaromi, azienda leader nella produzione di cialde per caffè usa e getta. La cover multifunzionale prepara il caffè in poche semplici mosse, basta infatti inserire una capsula speciale e attivare l’app collegata alla cover et voilà: l’espresso è servito.

Costi e smartphone collegabili a Mokase

Non solo una classica tazzina di caffè, le cialde sono disponibili in tre gusti principali, adattabili ad ogni tipo di clientela: classica, arabica e tostata. Inoltre è possibile bere il caffè amaro oppure già zuccherato. Pensa a tutto la magic-cover, ideale per un regalo oppure per i coffee-addicted, che potranno gustare la miscela preferita nell’apposita tazzina contenuta nel kit dell’azienda che verrà lanciata sul mercato i primi di settembre, prima della chiusura del contest su Kickstarter, sito web di finanziamento collettivo per progetti creativi su cui l’idea è stata lanciata.

Come qualsiasi cover si potrà scegliere il colore che più ci piace ed il prezzo sembrerebbe essere molto abbordabile, sul mercato il suo costo dovrebbe essere di circa 54 dollari e inoltre sarà possibile conservare le speciali cialde per tre mesi all’interno del cellulare, senza che si perda il tipico aroma dei chicchi più amati dagli italiani e non.

La mokase è disponibile non solo per Apple, ma anche per i dispositivi android delle maggiori case, Samsung, Huawei ed LG.

Sul sito, che per primo ha sponsorizzato l’idea, si parla già di produzione del prodotto:”L’impianto di produzione da realizzare ha una capacità di circa 11.500 pezzi al mese. È già al vaglio un successivo ammodernamento che andrà di pari passo allo sviluppo del business sul mercato”.

Rivista Franchising