Rivista Franchising
#Loliware #Lolistraw
Lolistraw: la cannuccia eco-friendly.

NEW YORK – Lolistraw è un inedito esemplare di cannuccia non solo biodegradabile e compostabile, ma anche commestibile, ideato dal team Loliware, un’azienda nata nel 2015 con l’obiettivo di ridurre il consumo di plastica nel mondo. Il progetto è stato lanciato sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter, dove ha già raccolto fondi per circa 23 mila dollari.

Lolistraw: ingredienti ed aromi

#Loliware #Lolistraw
Loliware per l’ambiente.

Lolistraw rappresenta una nuova tipologia di cannuccia realizzata esclusivamente con alghe, che garantisce la stessa sensazione tattile sulle labbra di un comune esemplare in plastica, con la differenza che dopo 24 ore di utilizzo, potrà essere lasciata decomporre in acqua, in modo del tutto naturale, o ingerita senza alcun problema. L’azienda sarebbe inoltre pronta a produrne due differenti versioni: una trasparente, dal gusto neutro e una di vari colori, con l’aggiunta di aromi come fragola o caramello. L’obiettivo, in questo caso, sarebbe non solo di offrire un’alternativa ecologica alla classica cannuccia, ma anche di fornire un valore aggiunto al consumatore, che potrebbe così degustare le bevande con l’aggiunta di un retrogusto particolare. A differenza di altri materiali, come il PLA, ricavato dall’amido di mais, la Lolistraw si rompe con la stessa facilità di una buccia di banana, quindi può essere smaltita in ambito domestico, senza l’utilizzo di  attrezzature industriali per il compostaggio. Il progetto segue quello dei Loliware Cup, dei bicchieri usa e getta che, anziché inquinare l’ambiente, possono essere ingeriti dopo l’uso.  Le ideatrici di Lolistraw, Chelsea Briganti e Leigh Ann Tucker,  hanno l’obiettivo di indirizzare il prodotto in luoghi ad alto spreco di rifiuti, come parchi a tema, stadi e catene di coffee shop, in cui le cannucce, utilizzate in grandi quantità, producono ingenti danni all’ ambiente.  Le designer stanno attualmente raccogliendo fondi per il prodotto su Kickstarter e si  preparano per la produzione di massa. Il costo, pur non essendo economico come le cannucce di plastica, sarà concorrenziale rispetto a quelle realizzate con la carta e altre tipologie di cannucce eco-friendly.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Linguista e scrittrice. Ha conseguito esperienze in campo nazionale ed internazionale, ricoprendo il ruolo di mediatrice per la difesa dei diritti umani e la risoluzione di conflitti globali. Adesso è impegnata ad acquisire tutte le competenze per poter fare del giornalismo la propria professione.