Rivista Franchising

legoROMA- Sono i mattoncini più usati di sempre, da più di 80 anni divertono adulti e bambini e da oggi i famosissimi Lego saranno anche eco-friendly. L’azienda danese, infatti, ha reso noto che entro l’anno saranno disponibili i primi componenti in eco-plastica.

Il colosso delle costruzioni, partner del WWF, ha impiegato due anni per realizzare questo nuovo progetto e anche grandi investimenti economici (circa 155 milioni di euro). Per il momento, spiega Tim Brooks, vice presidente del Lego Group, ad essere realizzati con questo nuovo materiale saranno le foglie, i cespugli e gli alberi, ma l’obiettivo è quello di rendere l’intera produzione amica dell’ambiente. Il materiale utilizzato per la nuova plastica è un estratto della canna da zucchero e come bioplastica potrà essere riciclata migliaia di volte, anche se, avvertono gli esperti, è abbastanza improbabile che siano prodotti 100% biodegradabili.

Lego: l’impegno crescente verso l’ecosostenibilità

Lego Group è da sempre sensibile al tema dell’inquinamento e da maggio dello scorso anno utilizza totalmente energie sostenibili e, inoltre, appoggia i progetti del WWF per sostenere e sviluppare la produzione di plastiche eco-sostenibili e rispettose dell’ambiente portando avanti un grande obiettivo: individuare, attraverso il proprio centro di ricerca il “Sustaineble Materials Center”, materiali alternativi alla plastica derivante da combustibili fossili per sostituire entro il 2030 tutti i 20 tipi di plastica tradizionali utilizzati nella produzione dei mattoncini.

I nuovi pezzi “amici dell’ambiente” saranno identici a quelli precedenti e infatti, sottolinea l’azienda, “I bambini e i genitori non noteranno alcuna differenza nella qualità o nell’aspetto dei nuovi elementi, perché il polietilene vegetale ha le stesse proprietà del polietilene convenzionale“. Inoltre, il gruppo, continua a raccomandare di non gettare via i vecchi mattoncini, ma di regalarli ad appassionati, oppure di donarli a negozi di beneficenza. Un’azienda che mira al risparmio e all’abbassamento dell’impatto ambientale, affinché il gioco sia divertente e attento all’ambiente.

 

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Aspirante giornalista, si divide tra l'università e la passione per la scrittura. Dinamica e solare, ama l'arte soprattutto nel cinema e nella musica. Spera di trovare presto il proprio posto nel mondo.