Rivista Franchising
Kentucky Fried Chicken, berlino, germania, fast food, franchising
KFC, il franchisor del fast food americano apre un nuovo punto vendita a Berlino

BERLINO – KFC, Kentucky Fried Chicken, è il noto fast food americano produttore di pollo fritto vuole conquistare anche il mercato europeo. La Germania è il paese prescelto per un’ulteriore espansione del marchio in franchising statunitense, che mira all’apertura di ben 500 ristoranti su tutto il territorio tedesco. Per il momento KFC è a quota 168 punti vendita tedeschi, con l’ultima recente apertura a Berlino, nel multietnico e vivace quartiere di Neukölln. A disposizione dei clienti, berlinesi e non, nel nuovo store KFC di Grenzallee c’è un ampio spazio interno di 162 metri quadrati e 82 posti a sedere, a cui si aggiungono 55 metri quadrati di spazio all’aperto con 32 ulteriori posti a sedere annessi. L’offerta gastronomica comprende, oltre alle numerose e famose pietanze a base di pollo, anche un tipico Kartoffelpüree tedesco, un purè di patate, e diverse insalate.

Kentucky Fried Chicken, tutti i dettagli sull’espansione del brand americano del fast food in Europa

Il programma di espansione del colosso statunitense in Europa prevede inoltre anche una strategia di locazione, che individua come nuove possibili location di futuri ristoranti targati KFC non solo i vivaci centri cittadini delle maggiori città europee ma anche centri commerciali, stazioni di servizio autostradali e distributori di benzina. Presente su tutto il territorio globale in oltre 125 paesi e con un numero di circa 20.000 ristoranti all’attivo, KFC appartiene al marchio Yum! Brands, società madre che raggruppa anche altri fast food in franchising di successo, come Pizza Hut e Taco Bell.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Giovanna Matrisciano è una giovane studentessa di lingue e letterature straniere. Parla fluentemente l'inglese, il tedesco e mastica anche un po' di francese. Appassionata di cinema, serie tv e romanzi, ama le parole come forma d’arte per questo ha deciso di seguire anche la carriera giornalistica.