Rivista Franchising
Imprenditoria rosa
Imprenditoria rosa: sul podio La Spezia, Benevento ed Avellino.

ROMA- L’imprenditoria rosa primeggia nelle province di La Spezia, Benevento ed Avellino dove si registra il tasso più alto di donne imprenditrici. CRIBIS è la società del gruppo CRIF, l’azienda specializzata nella business information, che ha esaminato la distribuzione territoriale delle aziende italiane dove ci sono donne titolari oppure nelle quali le donne rivestono ruoli di particolare importanza. In Italia il numero totale delle aziende supera i 6 milioni e, tra queste, le aziende in cui le donne ricoprono posizioni decisionali sono più di 1 milione. La maggior parte delle imprese femminili sono di piccole dimensioni, con 5 o meno dipendenti.

Imprenditoria rosa: la distribuzione territoriale in Italia e i settori dove primeggiano le donne

La percentuale più alta di imprese femminili si registra a La Spezia, dove le aziende in cui è a capo una donna sono il 33% sul totale. A seguire Benevento, con il 29% di aziende gestite da donne, ed Avellino. Poi Enna, Frosinone, Grosseto (27%), Viterbo, Chieti, Campobasso e Siracusa (26%). A livello regionale è invece il Molise che registra un’incidenza maggiore di imprese al femminile (26%) seguito dalla Basilicata, l’Abruzzo (25%), il Veneto (20%), la Lombardia (19%) ed il Trentino-Alto Adige (17%).

Le province che invece registrano la percentuale più bassa di aziende guidate dalle donne rispetto al totale delle imprese sono: Lodi, Lecco, L’Aquila, Bergamo, Como (19%), Reggio Emilia, Milano, Monza, Trento (18%) e Bolzano (17%).

Il principale settore dove le donne ricoprono posizioni decisionali è quello dei servizi sociali (52 %) seguito dai servizi alla persona (48%) e il commercio al dettaglio nel settore dell’abbigliamento (46%). Mentre, al contrario, i settori dove si registra una percentuale di donne al comando molto più bassa rispetto agli uomini sono: le installazioni, le autofficine e gli autonoleggi e l’edilizia.

Le donne in posizioni decisionali e manageriali sono ancora molto poche in Italia, circa 1 su 5. La ragione della maggiore incidenza di imprenditoria femminile al Sud è da ricercarsi principalmente nel contesto imprenditoriale dove sono presenti in percentuale maggiore realtà piccole, dei settori dei servizi alla persona e del commercio al dettaglio. Entrambi settori dove l’incidenza femminile è più altasostiene Marco Preti, l’amministratore delegato di Cribis.

 

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Aspirante giornalista pubblicista e studentessa di Giurisprudenza della Federico II di Napoli. Ha collaborato con alcuni portali di social journalism e lavorato per alcuni marketplace come articolista e ghostwriter. Ama i telefilm, la musica e sin dalla tenera età adora viaggiare.