Rivista Franchising
#Glovo
Glovo: dalla Spagna la startup che rivoluziona il delivery.

MILANO – Glovo, startup spagnola specializzata nelle consegne a domicilio, sbarca in Italia grazie alla collaborazione con to.market, insegna attiva con sette punti vendita nel capoluogo lombardo, distribuiti nei principali quartieri della città.

Glovo: la startup che rivoluziona il delivery

Glovo è un supermercato online, disponibile sette giorni su sette, che consente ai milanesi di effettuare la spesa tramite lo smartphone.  Nata nel 2014 a Barcellona da un’idea di Oscar Pierre, che voleva trasformare il “semplice” food delivery in anything delivery, la startup è presente oltre che a Barcellona, anche a Madrid e a Valencia. Di recente è sbarcata anche in Italia,  a  Milano, in forza dell’acquisizione di Foodinho, un servizio di food delivery attivo proprio sul territorio milanese, ma intende espandersi anche in altre città, cominciando da  Roma. La catena pone al centro del format il rapporto qualità/prezzo e l’attenzione verso l’ambiente,  attraverso la scelta di prodotti sostenibili e pack ecologici.

#Glovo
Glovo: l’anything delivery a portata di un click.

Tramite l’app sarà possibile visionare la varietà di prodotti disponibili, mentre la consegna è prevista in pochi minuti dall’ordine oppure programmando la spedizione a un orario preciso, personalizzando così le modalità di gestione del servizio delivery. Glovo, infatti,  ritira e consegna qualunque prodotto nel giro di pochi minuti, spaziando in ogni settore. Dal momento in cui viene creato l’ordine fino a quando viene recapitato, è possibile seguire in tempo reale la preparazione e i glovers, ovvero i corrieri, direttamente dall’app. Inoltre i nuovi clienti con una spesa minima di 15 euro riceveranno  in omaggio un extra bonus, ovvero  un codice promo Supermercato del valore di 5 euro, da utilizzare  per il successivo round di spesa su Glovo.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Linguista e scrittrice. Ha conseguito esperienze in campo nazionale ed internazionale, ricoprendo il ruolo di mediatrice per la difesa dei diritti umani e la risoluzione di conflitti globali. Adesso è impegnata ad acquisire tutte le competenze per poter fare del giornalismo la propria professione.