Rivista Franchising
store italiano
Furla apre il suo primo flagship store a Pechino

BOLOGNA – Furla, il noto brand di moda italiana, apre il suo primo flagship store italiano a Pechino, nel distretto di Dongcheng, all’interno del centro commerciale WF Central, che riunisce una vasta gamma di brand del lusso, moda e lifestyle.

Furla a Pechino: il design dello store italiano

Con l’apertura dello store, prevista per fine anno, Furla riconferma la propria presenza in Cina,  raggiungendo quota 54 store, inclusi quelli a gestione diretta e in franchising. La casa di moda, che attualmente opera attraverso oltre 1.600 punti vendita worldwide, di cui 1.200 tra multimarca e department store e 444 monomarca, ha chiuso il primo semestre del 2017 con un fatturato di  238 milioni di euro,  anche grazie alla regione Asia-Pacifico, che ha riportato una significativa crescita del 63%. Il nuovo punto vendita, si sviluppa su una superficie commerciale di 208 metri quadri, in cui gli spazi sono definiti dai dettagli in satin color champagne e dall’utilizzo di materiali naturali, che includono vetro opaco e legno, risultando accoglienti e confortevoli per il cliente. La facciata del negozio è caratterizzata da un ampio angolo che rappresenta una gigantesca opera d’arte, composta di mattoni LED retroilluminati, sviluppati su due differenti profondità. Uno store, dunque, che mescola arte, creatività ed eleganza, in cui materiali e design offrono una originale interpretazione di lifestyle italiano contemporaneo. Nello store è presente un’ampia selezione delle collezioni del brand, dalla pelletteria donna e uomo agli occhiali da sole fino agli accessori. Inoltre, in occasione dell’inaugurazione è stata lanciata una collezione esclusiva dal nome “Panda Collection”, ispirata all’animale simbolo della Cina, che comprende l’iconica tracollina “Furla Metropolis” e un portachiavi a forma di Panda pon-pon.

“L’apertura di questo nuovo flagship store rimarca la determinazione con la quale stiamo mettendo in atto una dinamica strategia di espansione in Cina, con lo scopo di fornire ai clienti la migliore esperienza d’acquisto possibile”, ha spiegato il CEO di Furla Alberto Camerlengo nel comunicato stampa dell’azienda.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Linguista e scrittrice. Ha conseguito esperienze in campo nazionale ed internazionale, ricoprendo il ruolo di mediatrice per la difesa dei diritti umani e la risoluzione di conflitti globali. Adesso è impegnata ad acquisire tutte le competenze per poter fare del giornalismo la propria professione.