Elton John suona note più tecnologiche ed investe in Qloo

Rivista Franchising
elton

Elton John

LONDRA – Una delle pop star più influenti ed amate di tutti i tempi, sir Elton John, ha deciso di investire insieme al fondo Axa Strategic Venture, nel filone tecnologico avanguardista dell’intelligenza artificiale. La start-up scelta dall’ormai settantenne cantante inglese è Qloo, una piattaforma che esamina database, pubblici e in formato open, musicali, cinematografici, editoriali e televisivi cercando patterns, cioè degli schemi e correlazioni che guidino i consumi e le scelte dei potenziali acquirenti. Più semplicemente, Qloo usa il machine learning per acquisire le abitudini di consumo degli utenti, cercare correlazioni con altri beni e quindi suggerire modelli di spesa in base alle preferenze. La startup si definisce una  “cultural artificial intelligence data platform” ed è una delle imprese editoriali che negli ultimi cinque anni ha attirato l’attenzione di un altro Vip e noto attore, Leonardo di Caprio, che proprio nello scorso anno ha finanziato con Barry Sterlicht, fondatore di una catena d’alberghi, Qloo con 4 milioni e mezzo di dollari.

Perchè Elton John ha scelto Qloo

La piattaforma Qloo dovrebbe quindi aiutare a capire se esistono degli schemi di ‘guida agli acquisti’, il punto di forza della start-up sarebbe (come dichiarano i fondatori dell’azienda newyorkese Alex Elias e Jay Alger)  quello di mappare 750 milioni di queste correlazioni. Per un inserzionista pubblicitario queste informazioni potrebbero essere determinanti per decidere su quale media puntare e su quali eventi catalizzare gli investimenti e raggiungere dunque, il maggior numero di potenziali acquirenti possibile. Il cantante che ha emozionato il mondo intero con Your Song ha annunciato l’investimento con una nota in cui evidenzia le possibilità del proprio nuovo investimento: “Siamo convinti del potenziale di Qloo. È uno strumento potente per Rocket Enterainment (la sua casa discografica) per stringere nuove partnership all’interno dell’industria dell’intrattenimento“.

Rivista Franchising