Decreto Mezzogiorno: aumenta il credito d’imposta per le imprese

decreto mezzogiorno, imprese

Decreto Mezzogiorno, credito, imposta, sud, impreseROMA – Con l’approvazione e la conversione in legge del Decreto Mezzogiorno è ormai definitivo l’aumento del credito d’imposta per gli investimenti strutturali nelle regioni del Sud. L’agevolazione sale dal 10 al 25% per le grandi aziende, dal 15 al 35% per le medie imprese, e infine per le piccole industrie è previsto un incremento dal 20 al 45%. Salgono anche i tetti di investimento agevolabili, rispettivamente a 15, 10 e 3 milioni di euro per grandi, medie e piccole imprese.

Quale regioni potranno beneficiare del Decreto Mezzogiorno?

Fra le regioni incluse nel provvedimento è stata inserita anche la Sardegna, che va così ad aggiungersi a Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Il Decreto Mezzogiorno prevede, inoltre, una serie di importanti norme, tra cui: l’adeguamento alle procedure europee in ambito ecologico, alcune misure per il risanamento ambientale dell’ILVA di Taranto e la riqualificazione professionale nelle imprese portuali. Per far sì che le novità introdotte dal Decreto possano essere effettivamente attuate sarà necessario attendere l’entrata in vigore della legge e la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

CONDIVIDI
Giovanna Matrisciano è una giovane studentessa di lingue e letterature straniere. Parla fluentemente l'inglese, il tedesco e mastica anche un po' di francese. Appassionata di cinema, serie tv e romanzi, ama le parole come forma d’arte per questo ha deciso di seguire anche la carriera giornalistica.