Rivista Franchising
competence center, facebook, roma, 9 ottbre
Competence center Facebook, la prima sede apre a Roma.

ROMA – L’innovativo competence center Facebook aprirà a Roma Termini il prossimo 9 ottobre, e sarà così il primo e unico centro formativo del colosso dei social media in Italia. Insieme ai competence center di Polonia e Spagna, l’obiettivo è quello di far crescere le competenze digitali delle imprese dell’Unione Europea e, contemporaneamente, fornirle a chi si appresta ad entrare nel mondo del lavoro. Facebook punta a formare in tutto circa un milione di persone e imprenditori dell’Unione Europea entro il 2020. Gli investimenti del social network statunitense per far crescere le piccole e medie imprese di tutto il mondo sono cominciati già nel 2011, con il progetto Boost Your Business. I risultati di questa campagna hanno portato ad un incremento delle vendite per il 57% delle Pmi, stando ad una ricerca del Morning Consult in collaborazione con il Lisbon Council e la stessa Facebook. Probabilmente è proprio il successo dei precedenti investimenti uno dei motivi per cui il social media ha scelto di continuare a muoversi in questa direzione.

Competence center Facebook, tutti i dettagli sul nuovo centro di Roma

A spiegare come sarà articolato il nuovo compentence center di Roma Termini è Luca Colombo, Country manager Italia per Facebook e Instagram, ai microfoni de Il Sole 24 ore: “Il nostro centro di formazione sarà uno spazio di 900 metri quadrati a Roma, nei pressi della Stazione Termini. Per questo, si chiamerà Binario F e con l’apertura terremo i primi 2 giorni di training, rivolti alle Pmi. La prima giornata, martedì 9 ottobre, dedicata al “Made in Italy” sarà l’occasione per approfondire le potenzialità del digitale quale strumento di crescita in contesti globali, con particolare attenzione a food e turismo. La seconda giornata, mercoledì 10, sarà più un workshop per giovani su come accrescere la propria presenza online tramite un uso sicuro dei social network. Ad enti e associazioni culturali e no-profit spiegheremo come fare del digitale uno strumento di raccolta fondi e veicolo di messaggi positivi. Il progetto prevede però la “convivenza” di 3 modalità operative: corsi gestiti interamente da Facebook; workshop organizzati da e con i nostri partners (da Confcommercio a Skuola.net..). Infine, soggetti terzi (dal mondo delle imprese all’associazionismo, dalle Ong alla società civile) potranno produrre progetti di formazione. Anche gli interlocutori non saranno solo le imprese. I target di riferimento sono essenzialmente otto: aziende; start-up; istituzioni; scuola; no profit e Ong; studenti e genitori; fondazioni ed enti culturali; mondo della comunicazione e dell’editoria“.

Rivista Franchising