Clementime, lo snack alle clementine che parla calabrese

Clementime; startup; calabriaCOSENZA – Imprenditoria, innovazione, sud e giovani: pare siano questi gli ingredienti giusti per ottenere un business di successo. Le storie che lo confermano sono sempre più numerose e l’ultima arriva dalla Calabria. Clementime è infatti una startup calabrese che nasce dall’idea di due giovani originari di Corigliano Calabro, cittadina in provincia di Cosenza, Francesco Rizzo e Antonio Braico. Il primo dei due, Francesco, dopo varie esperienze lavorative in giro per il mondo, ha infatti deciso di tornare nella propria terra d’origine e, con l’appoggio del socio, ha dato vita ad un progetto innovativo che rivaluta uno dei prodotti tipici della piana di Sibari: le clementine. Nasce così Clementime, piccola azienda produttrice di clementine in scatola da vendere come snack nei distributori automatici.

Clementime: tutti i numeri e i dettagli sulle clementine in scatola

Un progetto con ottime possibilità di crescita, se si pensa che in Italia si consumano circa 500 clementime; starup; calabriasnack al secondo con ben 2,5 milioni di distributori automatici. I due giovani imprenditori hanno messo in piedi la propria idea grazie ad un investimento iniziale pari a 10mila euro. Due clementine in scatola sono invece vendute allo stesso prezzo di un chilo di prodotto al mercato, ma ciò nonostante le vendite nell’ultimo anno sono quintuplicate. Le clementine arrivano direttamente dagli alberi degli agricoltori calabresi e, grazie all’apposito contenitore e alla temperature dei distributori, possono essere conservate per ben 30 giorni. Clementime si presenta dunque come un progetto giovane ed innovativo che mira a far conoscere oltre i confini nazionali un prodotto d’eccellenza del Sud.

CONDIVIDI
Giovanna Matrisciano è una giovane studentessa di lingue e letterature straniere. Parla fluentemente l'inglese, il tedesco e mastica anche un po' di francese. Appassionata di cinema, serie tv e romanzi, ama le parole come forma d’arte per questo ha deciso di seguire anche la carriera giornalistica.