Rivista Franchising
bonus pubblicità, credito d'imposta, imprese, professionisti
Bonus pubblicità, l’agevolazione sul credito d’imposta per imprese e professionisti

ROMA – Il bonus pubblicità è un provvedimento già previsto dal decreto legge 50/2017 che istituisce un beneficio per le aziende o i professionisti che decidono di investire per far guadagnare visibilità alla propria azienda. Più precisamente, il decreto istituisce un credito d’imposta del 75% o del 90%, da utilizzare sulle tasse di luglio 2018, per chi acquista spazi pubblicitari “sulla stampa quotidiana e periodica e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali”. La detrazione sarà del 75% per le imprese e i professionisti, mentre salirà ancora al 90% per le startup innovative, le microimprese e le pmi. Requisito indispensabile per poter usufruire del bonus sarà che le spese ammontino ad un importo superiore di almeno l’1,1% di quanto stanziato ed effettivamente investito l’anno precedente.

Bonus pubblicità, il beneficio sul credito d’imposta esteso anche all’anno 2017

bonus pubblicità, carlo calenda, ministro sviluppo economico
Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo Economico

Fin qui, nulla che non sia già noto agli addetti ai lavori o agli esperti del settore. La vera novità è infatti l’estensione del bonus pubblicità previsto per l’anno 2018 anche a tutte le spese pubblicitarie sostenute nel periodo compreso tra il 24 giugno e il 31 dicembre 2017, come stabilito dal decreto legge 148. La nuova regolamentazione in materia lascia, però, irrisolta un’incongruenza. Come già detto, infatti, il decreto legge 50/2017 introduce il bonus per gli acquisti di spazi pubblicitari sulla stampa quotidiana e periodica, senza fare diretta menzione alla testate online. Queste ultime sono invece esplicitamente citate nel decreto legge 148 che determina l’estensione del già esistente bonus anche all’anno 2017. La normativa prevede, infatti, il “riconoscimento del credito d’imposta esclusivamente sugli investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa quotidiana e periodica, anche online”. Per far chiarezza sulla questione si attendono ulteriori dichiarazioni da parte del Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.

Per ulteriori informazioni sul decreto, scrivi una mail a redazione@start-franchising.it

Rivista Franchising