Rivista Franchising

pastaNAPOLI- A Bologna è arrivato un nuovo modo di gustare la pasta fatta in casa: BreakPast che trasforma uno dei più classici piatti della tradizione italiana in street-food.

La startup della pasta

A fondare la startup è stata Laura Orabona che a La Stampa ha raccontato come è nata l’idea per il suo locale:“Fin da adolescente ho sempre avuto una grande passione per la cucina, in particolare per quella tradizionale. L’amore per il cibo nasce in casa dalla mia nonna. Lei mi ha insegnato a cucinare e con lei ho sviluppato l’idea un giorno di aprire una attività culinaria. Per molti anni è stato soltanto un sogno, ma con il tempo sono riuscita a farlo diventare realtà. A 16 anni ho abbandonato gli studi e ho iniziato subito a lavorare in un ristorante. Ho poi avuto varie esperienze in diversi locali, ma il tarlo fisso è rimasto quello di avere una attività tutta mia. Due anni fa circa sono stata a Miami dove ho visto che andavano molto di moda questi piccoli negozi take-away con il cibo pronto. In alcuni casi anche la pasta”.

Un viaggio che ha cambiato la vita, insomma, unito all’amore per la buona cucina ha portato all’ideazione di un format che vede la pasta come un prodotto da take away. Nel locale è possibile assistere alla preparazione dei diversi formati di pasta, all’incirca una decina, che possono essere conditi in modi diversi. La clientela a cui la giovane imprenditrice si riferisce sono i lavoratori che hanno poco tempo per la pausa pranzo ma che no vogliono rinunciare a un primo gustoso e che “sappia di casa“, ma anche i turisti, che vogliano assaporare la genuinità del prodotto italiano più conosciuto e invidiato al mondo.

BreakPast è stato inaugurato il 20 ottobre.

Rivista Franchising
CONDIVIDI
Aspirante giornalista, si divide tra l'università e la passione per la scrittura. Dinamica e solare, ama l'arte soprattutto nel cinema e nella musica. Spera di trovare presto il proprio posto nel mondo.